Gregor Mendel, Biografia, Riscoperta, Cronologia

Gregor Mendel, Biografia, Riscoperta, Cronologia




Gregor Johann Mendel era un monaco agostiniano, botanico austriaco e meteorologo.

Durante la sua vita, Mendel ha pubblicato due importanti opere ormai classici: ". Hierácias ottenuti mediante inseminazione artificiale" "prove con piante ibride", che non copriva più di una trentina di pagine stampate e

Nel 1865, elabora e presenta in due riunioni della Società di Storia Naturale di Brno leggi dell'ereditarietà, ora chiamati leggi di Mendel regolano la trasmissione dei caratteri ereditari. Dopo il 1868, le attività amministrative tenute lui così occupato che non riesce a continuare la loro ricerca, vivere il resto della sua vita in una relativa oscurità. E 'noto come il "padre della genetica" di oggi.

Nato a Heinzendorf bei Odrau, regione Troppau in Slesia, che allora apparteneva all'Impero Austriaco. Fu battezzato il 22 luglio, la data che viene spesso confusa con la vostra data di nascita, e proveniva da una famiglia di umili contadini. Nella sua infanzia ha dimostrato di essere molto intelligente, a casa ho usato per osservare e studiare le piante. Essendo uno studente brillante la sua famiglia lo incoraggiò a seguire gli studi superiori, e all'età di 21 anni, entrando in un monastero dell'Ordine di Sant'Agostino nel 1843 perché non avevano i soldi per sostenere i costi degli studi. Obbedendo l'usanza di diventare un monaco, ha scelto un altro nome: "Gregor". Così Mendel era responsabile della supervisione dei giardini del monastero.

Studiato anche per due anni presso l'Istituto di Filosofia di Olmütz e l'Università di Vienna.

Ma Mendel non interessa solo le piante, ma anche era meteorologo e studiato le teorie dell'evoluzione. Durante tutta la sua vita era un membro, direttore e fondatore di molte aziende locali: direttore della Banca di Moravia, è stato il fondatore della austriaco Meteorological Association, membro della Royal e Imperial Society di Moravia e Slesia a meglio l'agricoltura, tra gli altri.

Morì il 6 gennaio 1884 a Brno, nella ex austro-ungarico Repubblica Ceca oggi per una malattia renale cronica, un uomo in anticipo sui tempi, ma ignorato per tutta la vita.

Dal 1843 al 1854 divenne professore di scienze naturali presso la Scuola di Brno, dedicandosi allo studio della intersezione di molte specie: fagioli, cicoria, bocche-di-drago, alberi da frutto, le api, topi e soprattutto piselli coltivati ​​in giardino il monastero dove ha vissuto l'analisi dei risultati matematicamente, per circa sette anni. Gregor Mendel, il "padre della genetica", come è noto, è stato ispirato sia dai docenti e dai coetanei che sotto pressione il monastero per studiare la variazione nella comparsa delle piante. Ha proposto l'esistenza di caratteristiche di fiori è dovuto all'esistenza di un paio di unità di base di eredità, ora note come geni.

Dopo aver studiato con il pisello Mendel si dedicò allo studio delle api, cercando di estendere i loro risultati agli animali. Prodotto un ceppo ibrido tra l'Egitto e le api dal Sud America che producono un miele considerato eccellente, tuttavia erano molto aggressivi, molte persone da rovistando, e sono stati distrutti. Mendel ha continuato a dedicarsi a questo hobby dell'apicoltura, anche dopo essere stato eletto abate del monastero di Brno, dopo aver fondato anche la Compagnia di Apicoltura Brno.

Scoperte di Mendel, anche se molto importante, sono rimasti in gran parte ignorati fino all'inizio del XX secolo, in corso di pubblicazione solo nei primi anni del Novecento, anni dopo la sua morte. Sono stati "riscoperti" da un gruppo di scienziati, un tedesco - K. Correns, un austriaco - E. Tschermak e un altro olandese - H. de Vries. In origine si pensava che l'austriaco Eric von Tschermark sarebbe stato un "redescobridores", ma non è mai stato accettato. La sua teoria era essenziale per la sintesi evolutiva moderna.

Biografia

Riscoperta

Cronologia

Esperimenti con impianto di allevamento

Api

Leggi anche: